Kendra Elliott e la sua suspense “Gelida”

Se mi seguite anche sulla mia pagina Facebook, saprete che qualche tempo fa ho pubblicato la foto del mio Reading Journal, un taccuino con pagine create ad hoc per annotare le caratteristiche di ogni libro letto e dare loro un voto. Gelida è stato il primo libro del 2017 ad ottenere il mio punteggio pieno, e non pensavo che questo romanzo potesse piacermi così tanto!

Brynn Nealey è un’infermiera forense che fa parte di una squadra di salvataggio e primo soccorso dell’Oregon; quando un piccolo aereo precipita sulla Catena delle Cascate a causa di una violenta nevicata, è compito della squadra cercare superstiti. All’affiatato gruppo si unisce anche Alex Kinton, un Marshal che è invitato a partecipare alla spedizione poiché sull’aereo si trovava un suo collega, una guardia che trasportava Darrin Besand, pericoloso serial killer che sta affrontando i diversi processi a suo carico. Durante la spedizione la squadra inizia a conoscersi, e dopo la diffidenza iniziale i due protagonisti entrano in confidenza: mentre si svelano i loro passati tenebrosi, una terribile scoperta fa salire ancora di più la tensione. Il serial killer, infatti, non giace morto tra i rottami dell’aereo, ma è vivo e gira liberamente tra i boschi.

Questo romanzo è il secondo volume della serie Bone Secrets: non ho letto il primo, Nascosta, ma non ha importanza perché ciascun romanzo, anche se scritto dalla stessa autrice, è autoconclusivo. Gelida però mi è piaciuto davvero molto, e provvederò a comprare anche il primo libro! Finora, a parte i romanzi di Guillaume Musso, avevo letto veramente poco del genere thriller/suspense, e non pensavo che un libro simile potesse tenermi incollata alle pagine. Lo vedevo più come un romanzetto senza pretese (e forse lo è), con più romanticismo che un mistero da svelare.

Invece la Elliott si è rivelata una penna molto interessante, certo non è al livello di Musso: il suo stile è piuttosto semplice, ma ho trovato molto emozionanti i colpi di scena e i capitoli chiusi senza avere il quadro completo della situazione. Le descrizioni sono ottime ma non pesanti, sembra davvero di trovarsi in mezzo a un bosco pieno di neve e con temperature bassissime: uno scenario tutt’altro che idilliaco, visto che tra quei boschi si aggira un pazzo che ha già ucciso più volte. Il personaggio del serial killer a mio parere è quello caratterizzato nel modo migliore: ho apprezzato davvero molto la sua caratterizzazione psicologica. La vicenda è narrata da diversi punti di vista, in modo che il lettore possa avere il quadro completo della situazione, senza però togliergli il gusto di ragionare su quanto non è stato ancora svelato. E poi, ciliegina sulla torta, la storia d’amore intensa e dalla crescita rapida tra Alex e Brynn. Datemi qualche occhio a cuore e state certi che un libro mi piacerà.

Sophie Kinsella, perché sì!

Ho da poco terminato Begli amici!, uno degli ultimi libri di Sophie Kinsella usciti sotto il suo vero nome, Madeleine Wickham. Al posto della solita recensione ho pensato di dedicarle un intero post, spiegandovi perché questa brillante donna inglese è la mia scrittrice preferita. Anche se i suoi romanzi potrebbero essere tranquillamente inseriti nella sezione rosa, e io non sia proprio una loro accanita lettrice.

Credits www.sophiekinsella.co.uk

Ho tutti i suoi libri (ok, non proprio tutti, mi manca solo l’ultimo, La mia vita non proprio perfetta. Qualcuno provveda!), e ovviamente l’ho conosciuta con I love shopping: tutta questa serie, e alcuni altri romanzi autoconclusivi, tra cui Sai tenere un segreto, sono scritti proprio come Sophie Kinsella, che è il suo pseudonimo. Come l’autrice stessa ha spiegato, il motivo per cui distingue i suoi lavori è semplicemente un motivo di stile: se avete letto una delle avventure di Becky Bloomwood, saprete come ogni libro inizi con la stessa frase, “Niente panico”, come siano tutti caratterizzati da uno stile fresco e brillante. In ognuno di questi libri, dietro le vicende esileranti e la storia d’amore, c’è sempre qualcosa in più. Un significato più profondo, una riflessione tenera ma malinconica sulla vita e su come sia importante essere se stessi e seguire il proprio cuore.

Madeleine Wickham, il suo vero nome, caratterizza invece un’altra serie di romanzi, scritti tutti tra la metà degli anni Novanta e l’inizio dei Duemila, che sono stati notati dal pubblico solo dopo l’uscita della saga sulla spendacciona Becky, che tanto le ha portato fortuna. Qui troviamo una scrittura molto più matura e realistica, con descrizioni particolareggiate della campagna inglese e dei tanti, piccoli faide e stereotipi che la caratterizzano. Un po’ questi libri mi ricordano Il seggio vacante, romanzo di J. K. Rowling uscito dopo la chiusura del capitolo Harry Potter. Un aspetto che secondo me le rende narrazioni più serie è anche il fatto che siano sempre coinvolti anche bambini, che nella loro ingenuità e curiosità riescono sempre a combinare qualcosa e a influenzare la vita degli adulti che li circondano.

Se dovessi consigliarvi dei titoli, i miei preferiti restano (per ora) firmati con lo pseudonimo: La regina della casa racconta la storia di un giovane avvocato stakanovista, che fa di tutto per ottenere il posto di socio nello studio legale in cui lavora. A causa di un errore, però, teme che la sua carriera sia stroncata e così fugge in campagna, dove finisce per diventare la domestica di una ricca famiglia. Ovviamente senza avere la minima nozione di cura della casa o di cucina! Un altro titolo che adoro è Ho il tuo numero, davvero romantico: protagonista una promessa sposa che perde all’improvviso il suo prezioso anello di fidanzamento e contemporaneamente è derubata del suo cellulare. Le cose si complicano quando ne trova uno nella spazzatura e inizia a rispondere ai messaggi di un importante uomo d’affari, che si rivolge a lei come se fosse la sua segretaria…

La Bella e la Bestia, la magia di sempre con qualcosa in più

Ho aspettato La Bella e La Bestia per tantissimo tempo, e non potevo che fiondarmi al cinema il giorno dell’uscita (mai fatto, per nessun altro film). Temevo che, date le mie alte aspettative, avrei potuto rimanere delusa, invece sono rimasta assolutamente soddisfatta da questa nuova trasposizione cinematografica.

La versione animata Disney, di cui questa nuova pellicola è il fedele live action, è il mio classico preferito: l’ho visto tante volte, conosco le canzoni a memoria, amo profondamente questa storia. Belle è un esempio di coraggio, una ragazza che non è come le altre e che vorrebbe trovare il proprio posto nel mondo, perché quello in cui è nata forse non è fatto per tipe come lei. Bestia è la corazza dura di ognuno di noi, l’outsider, a cui devi andare davvero vicino per scoprire, con sorpresa (ah!), che ha occhi meravigliosi. Ogni piccolo domestico del castello aggiunge una carica di umorismo e ottimismo; Gaston e il villaggio mi sono sembrati molto attuali, in questo periodo di guerra contro il diverso, e pensare che nella realtà c’è davvero qualcuno che brandisce così tanta violenza inizia davvero a spaventarmi.

Due soltanto le note stonate: il doppiaggio, sin dai primi trailer, non mi convinceva molto. Ora che ho visto tutto il film posso dire che mi sbagliavo, e che solo la voce cantata di Belle è davvero inadatta, troppo infantile, troppo mielosa, ci voleva qualcun altro! Anche il principe/Bestia mi ha delusa, decisamente un volto che non si ricorda e che nella versione animata è molto, molto più bello! Personalmente ho trovato anche un po’ forzata la “conversione” di Le Tont, che nel finale passa dalla parte dei buoni, insieme ad altri abitanti del villaggio che ritrovano i loro cari tornati umani. Ho trovato anche poco veritiero l’inserimento di personaggi di colore, cosa poco probabile nella Francia di quel tempo: per i miei gusti è esagerato e inutile questo politically correct a tutti i costi, che a lungo andare può solo sfociare in un’ulteriore discriminazione.

Tutto il film mi ha veramente emozionata ed è stato assolutamente all’altezza di quanto mi aspettavo, ma, oltre alla scena del ballo, che con il canto di Mrs Bric mi dà sempre la pelle d’oca, anche la scena in cui tutti i servitori, a causa della caduta dell’ultimo petalo, si trasformano in oggetti in modo permanente mi ha dato davvero i brividi. L’ho trovata molto commovente e ha portato la mia attenzione anche su personaggi a cui di solito guardo poco. Da promuovere, ovviamente, anche la colonna sonora: le versioni italiane delle canzoni sono leggermente diverse da come le ricordavate nella versione animata, ma sono più aderenti come traduzione all’originale. E poi, anche se all’inizio non mi convinceva, anche se Celine Dion e Peabo Bryson non si battono, devo ammettere che anche Ariana Grande e John Legend mi hanno fatto battere il cuore.

Chiacchiere, libri e film: il mio Harry Potter Tag

Oggi ho voglia di proporvi un post diverso dal solito, qualcosa con cui poter chiacchierare in libertà su uno dei casi mediatici più potenti degli ultimi anni: Harry Potter! Ho letto tutti i libri, ho visto tutti i film, insomma sono davvero innamorata di questo mondo. Vi propongo quindi l’Harry Potter Tag, ho trovato diverse versioni sul web così ne ho messe insieme alcune, tagliando le domande che trovavo meno interessanti. Buona lettura!

Quando e come hai conosciuto Harry e il suo mondo?

Anno 2000, sono in aeroporto, pronta per partire per le vacanze estive. Mentre aspettiamo che apra il banco del check-in, mia mamma legge a me e mia sorella La Pietra Filosofale! Ho poi letto il libro da sola nelle vacanze di Natale dello stesso anno, avevo appena compiuto sei anni e frequentavo la prima elementare.

Qual è il tuo libro preferito? Quello che non ti è piaciuto?

Il prigioniero di Azkaban è da sempre il mio preferito, probabilmente perché inizia a vedersi un certo cambiamento nei personaggi, iniziano a essere un po’ meno infantili, e poi sono introdotti alcuni dei miei personaggi preferiti. Non c’è un libro che non mi sia piaciuto, forse quello che ho apprezzato meno è La camera dei segreti, lo trovo poco utile ai fini della trama.

Qual è il tuo personaggio MASCHILE preferito?

Sirius Black. Mi ha sempre affascinato e ho amato il suo rapporto con Harry, più da fratello maggiore che da padre.

Qual è il tuo personaggio FEMMINILE preferito?

Tonks: perseverante, cocciuta, goffa ma talentuosa, riesce a conquistare quel musone di Lupin: mitica!

La migliore trasposizione cinematografica e la peggiore?

I primi due film secondo me sono davvero ben realizzati, mi è piaciuta molto la regia di Chris Columbus. Il terzo invece, con Alfonso Cuaron, ha avuto un cambio di ambientazioni che non mi è piaciuto per niente, e anche con il quarto, a causa di tanti dettagli mancanti, ho storto un po’ il naso.

Qual è la tua Creatura Fantastica preferita?

Lo Snaso, e da molto prima che uscisse Animali Fantastici!

Qual è il tuo Mangiamorte preferito?

Lucius Malfoy, da un lato mi affascina, dall’altro lo trovo un vero serpente.

Se fossi ad Hogwarts, quale sarebbe il tuo passatempo magico preferito?

Probabilmente tenterei di giocare a Quidditch, ma conoscendomi non sarei molto portata. Mi eserciterei negli incantesimi!

Qual è il tuo Professore di Hogwarts preferito?

Remus Lupin: è davvero competente, protegge Harry, e mi piace fantasticare sul suo passato da Malandrino.

Qual è il tuo incantesimo magico preferito?

Vista la mia pigrizia, Accio è sicuramente in cima alla lista!

Chi avresti voluto che non morisse? Chi avresti lasciato che morisse?

Tra tutti, Sirius. L’unica volta che ho pianto leggendo un libro, ero davvero disperata. Di Tiger nell’ultimo libro, invece, mi importa poco, anzi ben gli sta!

Qual è la tua materia preferita? Quella che non studieresti volentieri?

Penso che tutte mi interesserebbero, anche pozioni. Divinazione, invece, sarebbe da depennare!

Cosa sceglieresti tra un gufo/ un gatto/ un rospo?

Ai gatti sono abituata, vorrei un bel gufo! Nello specifico, un barbagianni.

In che casa vorresti essere smistato? In quale ti rifiuteresti di andare?

Pottermore ha parlato, io sono una Corvonero! Penso che l’unica che eviterei sarebbe Tassorosso, mi sembrano tutti un po’ babbei.

Time After Time, un romantico viaggio nel tempo

Avete presente i classici film dalla trama avventurosa, con una storia d’amore già inserita nei primi minuti? Ecco, Time After Time è una serie tv di stampo classico, appena iniziata su ABC: io ho guardato la puntata pilota, un bell’episodio da due ore, e per la prima volta in tutta questa stagione telefilmica ho iniziato un nuovo prodotto che non mi ha fatto staccare gli occhi dallo schermo.

Londra, 1893: Herbert George Wells, mentre cerca di scrivere il suo romanzo, compie alcune ricerche sui viaggi nel tempo, mosso dall’idealismo verso un mondo migliore. Dopo diversi esperimenti riesce finalmente a costruire una macchina del tempo, che però è snobbata dai suoi conoscenti; la serata di presentazione della sua invenzione è interrotta da Scotland Yard, alla ricerca di Jack lo Squartatore, famoso killer che terrorizza la città. L’assassino è uno degli amici di Wells, il chirurgo John Stevenson, che per fuggire utilizza proprio la macchina del tempo, arrivando nella New York del 2017. Wells ovviamente decide di inseguirlo, e come lui si ritrova nel bel mezzo di una mostra dedicata proprio alla sua figura di scrittore al Metropolitan Museum. Qui fa la conoscenza di Jane, la dolce e premurosa curatrice, mentre cerca di fermare l’amico/nemico, che ha già mosso i suoi primi, sanguinari passi nella metropoli.

Se siete fan di Ritorno al futuro questa serie fa decisamente al caso vostro: leggermente meno di stampo fantascientifico, adoro il fatto che sia ambientata a New York (ormai mi conoscete) e soprattutto amo i personaggi. H. G. Wells, il protagonista, è assolutamente adorabile: un uomo idealista, benché divorziato, che continua a credere nella possibilità di pace per il mondo e che cerca di convogliare il suo ingegno verso qualcosa di utile per l’umanità. Estremamente dolce e intelligente, non si fa fermare da nulla per seguire i suoi ideali: ho trovato davvero commovente la scena in cui è seduto al bar e guardando i notiziari pieni di tragedie piange, deluso da come i suoi sogni si siano spezzati. Jane è la classica donna moderna che si trasferisce a New York sognando un nuovo futuro, e che è ritenuta troppo mediocre e insignificante dagli uomini. Il suo carattere forte ma gentile saprà affascinare l’inventore protagonista.

Dalla locandina il dottor Stevenson non sembrava malvagio, invece è proprio lui l’antagonista della serie: bello e affascinante, rimane estasiato dalla possibilità di comprare armi in tutta libertà, e di poter quindi uccidere come gli pare. Superbo e arrogante, per lui Wells è solo uno sciocco idealista, che non manca di sbeffeggiare. Questa serie ha davvero tutto quello che mi piace, compresa una storyline parallela molto misteriosa, che ancora non è stata (giustamente!) completamente svelata, riguardante la discendenza del protagonista. Spero davvero che i prossimi episodi mantengano lo stesso livello del pilot, e che possa riscuotere il successo che merita negli Stati Uniti.