Netflix amico del cuore: i miei quattro titoli del momento

Probabilmente se avessi sottoscritto un abbonamento a Netflix prima di quanto ho fatto (novembre, credo) non mi sarei laureata in fretta: tutto è confermato dal fatto che al momento sto studiando ben poco e mi sto invece dedicando con piacere a rewatch di serie che ho amato e alla scoperta di nuove perle sullo sterminato catalogo del servizio on demand. Visto che le vacanze pasquali sono alle porte e non tutti hanno voglia di intrattenere rapporti sociali, vi propongo i miei quattro titoli del momento su Netflix: seguo diverse serie quindi magari con alcune sono leggermente in ritardo sui tempi, ma almeno in questi consigli non troverete polpettoni visti e rivisti!

The Crown

Questo è stato il primo titolo che ho consumato (sì, è proprio il termine giusto) non appena ho aperto il mio account: ne avevo sentito parlare moltissimo ed ero veramente curiosa di avvicinarmi alla famiglia reale inglese, nonostante io non sia una fan della regina Elisabetta, anzi diciamo proprio che non la sopporto. La serie tv invece mi è piaciuta veramente tanto: non ho cambiato opinione sulla regina, ma ho amato il personaggio di Margareth. Dalla prossima stagione, la terza, gli attori che interpretano i protagonisti cambieranno, per rendere ancora più realistico l’invecchiamento. Io non vedo l’ora che sia rilasciata su Netflix!

Collateral

Collateral è una delle ultime aggiunte alla mia lista su Netflix: si tratta di una miniserie thriller ambientata a Londra. La protagonista è una detective interpretata da Carey Mulligan, che si trova a indagare sulla morte improvvisa di un fattorino della pizza, ucciso proprio all’uscita della casa in cui ha recapitato la sua ultima consegna. Non l’ho ancora terminata, ma mi è piaciuta subito perché è assolutamente realistica; mi piace anche come i diversi personaggi, apparentemente senza legami tra loro, siano invece tutti collegati da qualcosa.

La casa di carta

Forse questo è uno dei titoli più chiacchierati del momento: La casa di carta è una produzione spagnola, e su Netflix è da poco uscita la seconda parte della prima stagione, un’operazione solo del mercato italiano. La serie infatti è uscita in originale con episodi molto più lunghi, che in Italia sono stati divisi in due. Quando ho visto il primo episodio sono stata subito entusiasta: finalmente uno show in cui succede qualcosa, senza eccessivi monologhi o, al contrario, scene mute con personaggi che fissano il soffitto mentre fumano una sigaretta! Ho trovato geniale anche l’assegnazione dei nomi ai diversi componenti della banda: la serie infatti racconta di come un gruppo di criminali, guidati dal misterioso Professore, compie una rapina alla zecca di stato spagnola.

Seven seconds

Questo è il mio show del momento, e proprio non capisco perché non ne abbia ancora sentito parlare: l’ho trovata per caso su Netflix, e l’ho aggiunta dopo aver visto chiaramente la Statua della Libertà nell’icona del telefilm. Chi mi conosce infatti sa che qualunque libro o film o serie tv mi riporti a New York è dame immediatamente divorato: Seven Seconds non è ambientato esattamente in città, ma dall’altra parte del fiume, nella grigia Jersey City, dove un quindicenne afroamericano resta vittima di un incidente e una cocciuta procuratrice cerca di scoprire la verità. Non ho ancora terminato neanche questo show, ma continuo a vederne una puntata dietro l’altra, e più lo guardo più mi piace. Sono anche molto soddisfatta di aver scoperto un prodotto nuovo e bello prima che fosse sdoganato!

Liberty Station, il mio luogo (non più) segreto

Avete presente quando tutti parlano di un luogo vicinissimo a dove abitate, e che magari riscuote pure tanto successo, e voi non ci siete mai stati perché, appunto, è talmente vicino che non gli prestate attenzione? Ecco, a me è successo lo stesso con Liberty Station, ma ho rimediato in fretta e ha occupato in fretta un posticino nel mio cuore.

Liberty Station è una grande zona verde situata a Point Loma, che di stazione non ha proprio nulla: l’unico collegamento che riesco a trovare è con la base di addestramento dell’aeronautica, come testimonia un bellissimo murale cartolina, molto simile a quello di North Park. Oltre a un paio di birrerie, qualche ristorante e un meraviglioso caffé/negozio assolutamente hipster, l’attrazione principale è il grande Liberty Public Market, un mercato coperto come quelli che anche in Italia stanno diventando di moda.

All’interno del Public Market ho trovato, ovviamente, tanti nuovi piccoli ristoranti: per ora ho provato la créperia e la pasticceria, oltre a un piccolo (e per nulla economico!) bar che serve solo centrifugati. Durante il finesettimana ho trovato anche qualche bancarella in più, dedicata alla vendita di vestiti, spesso scontatissimi, e di bigiotteria davvero bella. Immancabile anche un banchetto che vende candele, e che ahimé non ho potuto comprare perché si avvicina il momento in cui dovrò imbarcare un bagaglio in stiva e sto cercando, temo inutilmente, di non pagare la sovrattassa per il peso extra.

Altro punto di interesse, che ho ovviamente dovuto provare, è il cinema: fa parte di una catena che non avevo mai sentito nominare, The Lot, e in città è presente anche nella zona di La Jolla. Ogni sala offre comodissime poltroncine reclinabili e un servizio “al tavolo”: premendo un pulsante infatti sarete serviti da un cameriere e potrete ordinare da un discreto menù che comprende proposte sia dolci che salate. Quello che però preferisco fare qui è quello che ho sempre sognato di fare negli Stati Uniti, che mi sembra totalmente impensabile in Italia visto che viviamo circondati da ficcanaso: sedermi su una panchina di fronte allo specchio d’acqua che separa Liberty Station dall’aeroporto, magari con un chai tea latte da sorseggiare, e stare tranquilla a guardare gli aerei decollare e atterrare. Non è niente di speciale, ma so già che mi mancherà.

Ci vorrebbe un North Park in ogni città

Ho un problema: ogni volta che a San Diego visito un nuovo quartiere trovo qualcosa che me lo fa piacere in modo particolare, e quindi diventa il mio posto preferito… finché non passo al quartiere successivo. Ecco, con North Park è successo così, e si è accodato a Balboa Park e Liberty Station. Venite con me per una passeggiata alla scoperta di questa zona indie!

In realtà il motivo che mi ha spinta fin qui è stato il celeberrimo murale Greetings from San Diego, quasi invisibile se non lo si cerca bene: si tratta di un murale collocato sul lato di un edificio basso, che al suo interno ospita un pub. Dalle foto sembra veramente grande e non ci si aspetterebbe mai che la sua location corrisponda in realtà a un parcheggio circondato da palazzi: proprio per questo è difficile da notare, e nonostante la sua popolarità su Instagram non ho trovato tanta gente in coda per fotografarlo. A me piace per il suo aspetto da cartolina, e perché in ogni lettera è disegnato un elemento tipico della città: le Sunset Cliffs, il Coronado Bridge, perfino la bandiera statunitense affiancata a quella messicana, per ricordare la vicinanza al confine.

L’opera è posizionata poco dopo l’incrocio tra la 30th Street e la Howard Avenue: io sono poi tornata indietro, proseguendo sulla Trentesima, alla ricerca di uno spuntino. L’ho trovato in University Avenue, da Hammond’s Gourmet Ice Cream: ovviamente si tratta di una gelateria, che ha la particolarità di servire più di cento gusti diversi, che sono esposti a rotazione in gruppi di 32. Il modo più divertente di assaggiarli è decidere di gustarli uno per uno, comprando da 2 a 32 piccoli coni posizionati nell’apposito contenitore, perfetto per uno scatto da blogger! Vi avverto però, questa gelateria non è affatto economica: ecco perché mi sono limitata alla normale (ma ugualmente soddisfacente) coppetta da due gusti. Il mio preferito? Lavanda, senza dubbio!

Se invece state cercando una vera pausa pranzo, vi consiglio Poki, a breve distanza dalla gelateria. Questo locale è molto popolare a San Diego, tanto che la città ospita punti vendita in diversi quartieri: semplicemente riempite la vostra ciotola di riso o insalata e aggiungete pesce crudo e salsette! Una variante di sushi, perfetta quando ne sentite la mancanza e non trovate un all you can eat nelle vicinanze. North Park inoltre brulica di pub di diverso genere, e la birra non può mai mancare.

E’ un quartiere davvero indie, che all’apparenza può sembrare trasandato ma che io ho trovato piacevole e tranquillo, perfettamente in linea con la filosofia easy going della città. I murales sono ovunque, piccoli o grandi, e danno un tocco artistico alle strade. Mi sono piaciuti anche i diversi negozi, in cui potrete trovare saponi, candele, meravigliosa bigiotteria o tshirt veramente californiane. Insomma, io lo consiglio per una passeggiata nel fine settimana! Se poi volete sedervi e rilassarvi nel verde, percorrendo tutta la Trentesima e poi girando a destra, vi ritroverete al limitare di Balboa Park, in una zona verdissima, perfetta per praticare sport o per stendersi sul prato.

Una strada in salita: hiking in California

Stanchi della città? Se avete voglia di evadere per una giornata e dedicarvi ad attività più salutari, in California non c’è niente di meglio che una gita su qualche cocuzzolo, o come dicono qui, “hiking“: letteralmente “scalare“, praticamente passeggiate più o meno impegnative. Tra le escursioni più popolari da San Diego ci sono sicuramente quella a Three Sisters Fall e a Potato Chip Rock, facilmente raggiungibili affittando un’automobile.

Three Sisters Fall è stata per me l’attività più impegnativa: il percorso percorribile a piedi inizia in piano, per svilupparsi poi verso il basso, in un sentiero stretto, privo di zone d’ombra. Dopo circa 15 minuti di camminata verso il basso, alla ricerca della piccola cascata, ci siamo resi conto che non avremmo visto altra acqua eccetto quella delle nostre bottiglie, perché la fonte era secca a causa delle alte temperature. Abbiamo quindi evitato di spingerci oltre, soprattutto perché la camminata si è svolta nel momento peggiore della giornata: tra le 12 e le 13, con una temperatura di circa 40 gradi. La parte peggiore è stata ovviamente risalire al parcheggio: se decidete di avventurarvi su questo sentiero, portatevi una scorta d’acqua e soprattutto, preferite un giorno più nuvoloso.

Potato Chip Rock si è rivelata una meta ancora più bella della precedente: il mio gruppo di amici ed io siamo arrivati tra le 16 e le 17, quando l’aria si era già fatta un poco più fresca e il sole iniziava la sua discesa. La strada verso la cima è sicuramente più agevole di quella di Three Sisters Fall, ma la pendenza vi ucciderà! Tolte le numerose soste che vi serviranno per evitare di morire per ipossia, la cima è raggiungibile in 40-50 minuti; l’ora del tramonto è sicuramente la migliore per scattare foto alla roccia a forma di patatina, ma preparatevi perché, soprattutto nel finesettimana, potrebbe esserci un po’ di coda, data la popolarità del luogo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per me è stata una giornata faticosa ma bellissima, in cui ho potuto mettermi di nuovo alla prova sfidando le mie scarsissime abilità fisiche e riuscendo a non finire in lista per un trapianto di cuore e polmoni, arrivando, seppur con fatica, alla meta. Ho guidato per l’intera giornata, un’altra esperienza che fino a poco tempo fa mai avrei pensato di poter vivere, e sono stata molto orgogliosa di me stessa quando ho fatto il pieno alla nostra auto, per la modica cifra di 38 dollari (forse è l’aspetto della giornata che più mi ha lasciato a bocca aperta!). Dicono che tutti i tuoi sogni diventino realtà in California: di sicuro sono di nuovo me stessa, qui!

Le mie spiagge preferite a San Diego

Nei miei progetti pre-partenza non avevo prestato particolare attenzione a un eventuale tour delle spiagge, nonostante qui il clima sia noto per essere caldo ma non troppo, sufficientemente ventilato per i surfisti e adatto ai pantaloni corti anche in inverno. Beh, non è proprio così: probabilmente solo a Los Angeles si evitano nuvole e nebbia, perché su questo versante San Diego assomiglia molto di più alla sua cugina San Francisco. Comunque, per ora le temperature sono state abbastanza alte da consentirmi di bagnare i piedi (e non solo!) nell’oceano Pacifico. Oggi, quindi, vi parlo dei miei luoghi preferiti per farsi una nuotata!

Ocean Beach

Lei è stata il mio primo approccio al Pacifico dopo cinque anni di attesa. In un calmo lunedì pomeriggio di metà agosto ho raggiunto Ocean Beach: abbastanza frequentata dai surfisti, e anche da chi si cimenta per la prima volta con la tavola, dato che le onde generalmente non sono molto alte. OB è nota per il suo Farmers’ Market del mercoledì pomeriggio, dove potrete trovare cibo e souvenir di ogni tipo, e soprattutto per il suo essere meta di gente un po’ trasandata, molto tranquilla. Perfetta per una passeggiata, se vi muovete verso sud arriverete alle meravigliose Sunset Cliffs, perfette per un tuffo adrenalinico!

Mission Beach

Detto chiaramente: se cercate il relax, andate da un’altra parte! Mission Beach è probabilmente una delle spiagge più famose della città, piena di turisti e famiglie in qualunque giorno della settimana. La passeggiata sul mare è piena di bar e negozi, dove potrete anche affittare tavola e muta per tentare l’impresa di cavalcare le onde, oppure comprare un po’ di paccottiglia da riportare in patria agli amici insistenti che vi hanno chiesto qualcosa di californiano. Penso che attualmente il souvenir più popolare sia una bandiera della California, rigorosamente firmata da chiunque vi capiti a tiro. Dietro la spiaggia troverete Belmont Park, un piccolo parco di divertimenti che mi ha incuriosito poiché ospita montagne russe in legno. Non esattamente economiche (una corsa a un dollaro), ma potrei tornare a provarle.

Pacific Beach

Un po’ più famosa di Ocean Beach ma non tanto quanto Mission Beach, Pacific Beach vi incanterà con l’eleganza dei suoi hotel e con il molo che la divide a metà: a me è piaciuto tantissimo potervi passare sotto, camminando tra le colonne in legno e guardando le onde infrangersi contro. Proprio perché la spiaggia è particolarmente lunga da percorrere e non sono presenti le tradizionali cabine dei bagnini, i simpaticoni strombazzeranno sulla spiaggia con un caddy 4×4 per farsi vedere (e sentire) da tutti, surfisti impegnati in acqua compresi.

Torrey Pines Beach

In assoluto la mia preferita, ovviamente la più lontana e costosa da raggiungere. Torrey Pines è famosa per la sua piccola escursione, su e giù per le rocce e i sentierini in mezzo ad alberi e cespugli, con una vista spettacolare sul mare. Tanti arrivano qui per una passeggiata che generalmente si conclude a Black Beach, la spiaggia nudista della città. Io invece, dopo le inaudite fatiche del pomeriggio, sono scesa nella spiaggia sottostante, e ho scoperto il paradiso. Poco profonda, poco frequentata, è perfetta se state cercando una piccola oasi di tranquillità: sarete solo voi e il rumore del mare.