Musica 24/7: le mie playlist preferite su Spotify

La musica è parte fondamentale delle mie giornate: solo sedermi in treno e ascoltare una canzone produce un effetto incredibile sul mio umore, mi rende davvero tranquilla e pronta ad affrontare tutto quello che mi si presenterà davanti. Spotify quindi per me è una vera droga, anche se in realtà lo uso soprattutto da pc, per risparmiare preziosi dati internet sul cellulare. Quando studio, quando scrivo, quando ho solo bisogno di rilassarmi, è veramente un’ottima compagnia! Oggi quindi vi propongo le mie cinque playlist preferite su Spotify!

All A Cappella

Se mi seguite da un po’ ormai saprete che le cover a cappella delle canzoni più famose mi piacciono tantissimo: probabilmente questa passione arriva da Glee, la mia serie tv preferita (un giorno ve ne parlerò). Con questa playlist ho scoperto tanti artisti davvero validi, tra cui i Pentatonix, decisamente i più bravi esecutori del genere che ho trovato finora!

Top 50 – Italia

La mia automobile non ha l’autoradio. Male, molto male per una come me, perché significa che posso ascoltare molto poco Radio Deejay (lo ammetto, ascolto solo questo) e soprattutto non posso conoscere in fretta brani nuovi. Così utilizzo questa playlist, che riporta le nuove uscite più popolari del momento, e io sono sempre aggiornata, anche sulle canzoni più stupide e improbabili.

Intense studying

Quando studio o quando scrivo, soprattutto se si tratta di argomenti impegnativi, la tv oppure le canzoni mi disturbano, anche se in sottofondo, perché mi viene voglia di seguire il discorso o di mettermi a cantare. Questa playlist è la mia salvezza: solo musica classica, perfetta per concentrarsi. Mi piace molto perché ci sono diversi pezzi di Bach tratti dai Concerti brandeburghesi, che mi rilassano tantissimo.

Un té e un libro

Una raccolta breve ma intensa, che unisce due delle mie passioni: la lettura e il té. Credevo di non riuscire a leggere ascoltando la musica, invece qui sono raggruppate tante canzoni a me totalmente sconosciute, che quindi sono perfette per un momento di relax. Creano un’atmosfera davvero particolare, un po’ malinconica, proprio come se fossi sempre in un pomeriggio di novembre: fuori fa freddo e piove, ma tu hai in mano la tua tazza di té e andrà tutto bene.

Centrifugato

Momento autocelebrativo per concludere la mia piccola classifica: questa è la mia playlist personale, un centrifugato, appunto, di brani musicali completamente diversi tra loro. Ci sono pezzi dei Queen e dei Bastille per poi passare a qualcosa di più italiano, alcuni pezzi un po’ trash.. Ma a me piace tutto, e questa raccolta mi rispecchia davvero!

Cover in musica: le mie preferite

La mia passione per la musica è materia nota ai più: ho dei gusti un po’ bizzarri, che spaziano dal rock a canzoni anni ’90 un po’ improponibili, dalla musica classica agli ultimi brani da discoteca. Oggi voglio parlarvi di un genere che non è propriamente un genere, quanto piuttosto un modo di vivere la musica: ho studiato canto moderno per quattro anni, quindi sarà per il mio passato come cantante (da strapazzo) che amo le cover a cappella.

Negli ultimi anni, complice anche YouTube, sono diventate piuttosto famose: si tratta di cover di brani celebri, riproposti però senza la musica di accompagnamento. Gli unici suoni sono quelli prodotti dalla voce umana! Io resto sempre sorpresa e affascinata dalla bravura dei performer. Non vi parlerò di tutte canzoni che mi sono piaciute perché altrimenti questo post sarebbe infinito, però posso darvi qualche suggerimento sugli artisti che apprezzo di più. I primi che ho scoperto, e che di fatto detengono lo scettro come i più bravi su YouTube, sono i Pentatonix: quattro ragazzi e una ragazza statunitensi che creano video musicali pazzeschi, con tanto di ambientazione ad hoc. Ve ne avevo già parlato nel post con le mie canzoni di Natale preferite, mali ho conosciuti con questo bellissimo medley dei Daft Punk.

Un altro gruppo che negli Stati Uniti ha davvero tantissimo seguito sono le Cimorelli, sei sorelle californiane che hanno iniziato da giovanissime e sono riuscite a esportare il loro stile fresco e allegro anche in Europa (a novembre si sono esibite anche a Milano, alla Salumeria della Musica): hanno iniziato con video caserecci, accompagnandosi solo con la chitarra, per poi arrivare in studio e girare veri videoclip. Le loro cover non sono esattamente a cappella, in quanto è sempre presente una base musicale, anche se leggera, ma adoro le armonizzazioni che riescono a fare con le loro voci! Questa è una delle loro prime esibizioni, ed è impressionante vedere come siano cresciute.

E infine, c’è lui: Peter Hollens è probabilmente l’artista che preferisco in questo campo. Ha sempre tantissime idee, è davvero gentile con i suoi follower, e le sue esibizioni sono molto emozionanti. Spesso collabora con altri performer, e realizza video ispirati a film di successo, curando nei minimi particolari costumi e scenografie. Il suo video medley con le canzoni Disney è tra quelli che preferisco, ma anche la sua esecuzione di I See Fire è molto particolare: nel video si vede parte di tutti i suoni che ha dovuto registrare!

L’ultimo cantante che vi propongo è Heather Traska: sul suo canale pochi video ma realizzati splendidamente. Heather fa tutto da sola, e questo spiega i pochi contenuti: immaginate quanto tempo è necessario per realizzare e montare video simili! Mi piace perché ha una voce pazzesca, e il risultato finale è sempre molto naturale.

Le canzoni di Natale perfette per un’atmosfera magica

Ormai avrete capito che adoro le canzoni di Natale, ogni anno ne scopro sempre di nuove con cui provvedo prontamente a riempire cd e playlist! Elencare tutti i brani che mi piacciono sarebbe davvero impegnativo, mi limito a lasciarvi quelli che in questo periodo sto ascoltando di più: tendo a preferire le canzoni tradizionali, quelle che hanno un testo più vicino al racconto della notte di Natale, ma mi piacciono anche quelle un po’ più pop!

Mary, Did You Know?

Anche se questo video ha già due anni di vita, io ho scoperto questo brano solo quest’anno, ed è ovviamente entrato nella mia lista di canzoni preferite per il Natale. I Pentatonix sono un bravissimo gruppo che esegue solo brani a cappella: tra tutte le loro interpretazioni a tema natalizio, questa è probabilmente la mia preferita.

God Rest Ye Merry Gentlemen

Perché limitarsi a All I Want For Christmas Is You quando si tratta di Mariah Carey? Questa è la mia canzone di Natale preferita in assoluto, e mi piace sempre andare a scovare nuove versioni. Questa la trovo davvero bella, soprattutto per il timbro e le doti vocali della sua bravissima interprete.

What Child Is This

La prima versione che ho sentito di questo brano era una di Andrea Bocelli, ma una volta scoperta questa non l’ho più abbandonata: anche Peter Hollens ha un canale YouTube dedicato alle sue cover, esclusivamente a cappella. Io lo trovo davvero bravo, ed è anche molto gentile con chi lo segue, risponde sempre a tutti!

Do They Know It’s Christmas

A 30 anni dal rilascio della canzone, torna l’evento Band Aid: personalmente mi piace di più questa versione della prima, probabilmente anche perché ci sono voci a me più note… Ovviamente non può mancare Bono degli U2, che con questi progetti va sempre a nozze! Se non avete riconosciuto il batterista, vi dico io chi è: Roger Taylor, che nei Queen suonava lo stesso strumento.

Merry Christmas, Darling

Nella mia lista non poteva mancare Glee: questa canzone è malinconica, ma davvero tenera e romantica. Rachel la canta nella seconda stagione dopo che Finn l’ha lasciata, poco prima di Natale, dopo aver scoperto il suo tradimento/ripicca con Puck. “I’ve just one wish in this Christmas Eve… I wish I were with you